Viabilità a San Salvatore: disco orario, paletti e una rotonda

Cogorno
Enrica Sommariva svolge le funzioni di sindaco a Cogorno

Già collocate, in quattro punti, barriere per impedire alle auto di salire sul marciapiede, l’altra sera, in consiglio comunale, rispondendo alle minoranze, il vicesindaco Enrica Sommariva ha dato due annunci.

Il dibattito sulla viabilità ha animato il consiglio comunale di Cogorno, svoltosi l’altra sera. Il primo punto è stato però la presentazione delle linee programmatiche di mandato dell’amministrazione, che verranno votate entro 30 giorni: “Ricalcano pari pari il programma elettorale con cui ci siamo presentati agli elettori e con cui, grazie a loro, abbiamo vinto le elezioni – ha detto il vicesindaco, Enrica Sommariva -. Abbiamo lasciato le prime due pagine indirizzate ai cittadini dal nostro Sindaco Garibaldi ribadendo la nostra condivisione sul modo con cui intendiamo operare in questo ciclo amministrativo”. Per quanto riguarda l’abitato di San Salvatore, in risposta a interrogazione del gruppo “Cogorno Democratica – Partecip@ttiva”, l’amministrazione riferisce: “Per impedire l’indebita occupazione dei marciapiedi in corrispondenza di 4 punti dell’abitato, oggetto della mozione, nei mesi scorsi sono stati posizionati dei dissuasori (paletti e archetti). All’altezza della farmacia, una volta pervenuto a fine luglio il diniego da parte dell’assemblea di condominio sulla modifica dell’area prospiciente proposta dalla amministrazione comunale, si procederà anche con l’apposizione della sosta limitata a 15 min. per alcuni parcheggi posti nelle zone limitrofe. La situazione sarà ovviamente monitorata per vedere l’esito  degli interventi”. In chiusura, l’atteso annuncio della rotonda davanti al ponte che collega San Salvatore a Caperana, nella zona del Basko e di Euronics: “A settembre – ha concluso il vicesindaco – è previsto l’arrivo del progetto (disegno) della rotonda e, in base alla collaborazione offerta dal Comune alla Città Metropolitana, l’attuale aiuola sarà demolita e sarà avviata una sperimentazione con apposizione di barriere provvisorie (new jersey)”.