Via libera al progetto di Bargonasco

Si pensa alla tutela dell'ambiente a Casarza

Ventuno nuovi appartamenti, una piazza ed una pista ciclabile: il consiglio comunale di Casarza ha approvato. Parte anche la campagna di analisi dell’inquinamento dell’aria.

Si è riunito ieri sera anche il consiglio comunale di Casarza Ligure. Il sindaco, Claudio Muzio, ha aperto la seduta con le comunicazioni sulla prevista campagna di analisi dell’aria, resasi necessaria dopo le proteste della gente per le emissioni, ritenute nocive, di una azienda. Nei prossimi giornim arriverà l’allaccio alla corrente che renderà operativa la centralina di analisi. Ad essa, si affiancheranno, sempre nel corso di settembre, undici campionatori ed altri cinque specifici per la formaldeide. Durante l’anno è prevista l’attivazione anche di una campagna di analisi sulle polveri sottili. E’ stata approvato quasi all’unanimità, con la sola astensione del consigliere del gruppo “A Sinistra”, il progetto, di attuazione privata, per Bargonasco. In base ad esso, la cooperativa “Il borgo” realizzerà 21 appartamenti, di cui otto a canone moderato e dieci vincolati a prima casa, più una piazza ed un locale polifunzionale da 150 metri quadrati. Con fondi regionali e attuando un progetto ereditato dalla precedente amministrazione, il Comune realizzerà pista ciclabile e marciapiede: “Bargonasco è in sofferenza da tempo – dice Muzio – ma questo progetto dovrebbe risolvere i problemi di viabilità”.