Una boa meteo contro le mareggiate

La boa invierà dati sul moto ondoso

La Regione ha acquistato una boa meteo che permetterà di avere più dati per poter programmare gli interventi di difesa della costa e tutelare il litorale dalle mareggiate.

E’ una nuova boa meteo lo strumento messo a punto per evitare le erosioni delle spiagge del territorio ligure. La boa infatti registra e invia ogni ora i dati sul moto ondoso, la temperatura e l’umidità dell’acqua, le correnti marine, la velocità e la direzione del vento. “In questo modo consente una migliore progettazione delle opere costiere di difesa, come i pennelli, e una maggiore siurezza della navigazione, ma anche di essere informati con anticipo circa l’arrivo di una mareggiata” ha illustrato l’assessore regionale Renata Briano. 150mila euro è il costo della boa, fondi recuperati da quelli ottenuti per il risarcimento Haven. La boa è stata realizzata in Norvegia, consiste in un disco giallo e nero della dimensione di due metri circa, una sorta di sonda spaziale che potrebbe resistere anche alle condizioni estreme delll’Antartide. Ma invece, nel giro di pochi giorni, sarà immersa nelle acque al largo di Capo Mele su un fondale di circa 80 metri. I dati arriveranno alla vicina base areonautica della 115esima squadriglia radar che li trasmetterà al centro funizonale meteo idrologico della Regione Ligure e alla rete internazionale Gts. I dati inoltre saranno disponibili sul sito dell’Arpal.