“Un progetto tutto per i privati”

Il consigliere di Partecip@attiva Giorgio Canepa
Il consigliere di Partecip@attiva Canepa

Anche Partecip@ttiva deposita le proprie osservazioni sullo strumento urbanistico di Preli: “Non si capisce l’utilità pubblica: si potevano affidare ai proprietari le opere di difesa a mare”.

Anche Partecip@ttiva, a Chiavari, esprime osservazioni sul progetto dell’area di Preli. Intanto, anche il comunicato diffuso dal coordinatore, Alessandro Monti, sottolinea come ci sia una sostanziale incoerenza del progetto con l’ambiente circostante e come, a fronte dell’andamento della residenzialità a Chiavari, “questi edifici appaiono destinati a rimanere pressoché vuoti”. La passeggiata su colonnine, dice Parecip@ttiva, restringe la spiaggia crea “una zona d’ombra, con conseguenti criticità in tema di sicurezza ed igiene”. L’operazione, complessivamente, è giudicata “del tutto sbilanciata a favore dell’interesse privato”, con “pochissimi spazi pubblici progettati” e un ritorno per la collettività “che non si capisce quale possa essere”, considerato che anche “il rifacimento dei pennelli al largo per la difesa della costa non è previsto tra le opere a carico del privato”.