Un 2013 di intenso lavoro per la guardia di finanza in Liguria

Dodici mesi di duro lavoro per la finanza
Dodici mesi di duro lavoro per la finanza

Il comandante regionale, generale Rosario Lorusso, ha illustrato questa mattina l’attività svolta in Liguria dalla guardia di finanza nel 2013. In primo piano la lotta all’evasione fiscale ed al sommerso.

E’ stato un anno di intenso lavoro, il 2013, per la guardia di finanza in Liguria. Questa mattina il generale Rosario Lorusso, comandante regionale, ha stilato il bilancio dell’attività svolta nella nostra regione nel corso dell’anno che si è da poco concluso. Nell’ambito della lotta all’evasione fiscale sono stati eseguiti 3.325 interventi ispettivi, che hanno consentito di constatare 673 milioni di euro sottratti a tassazione e circa 64 milioni di IVA evasa. I denunciati per reati connessi a frodi fiscali sono stati 248. L’attività di contrasto all’economia sommersa ha portato invece all’individuazione di 303 evasori, che hanno occultato al fisco 505 milioni di euro. Sono stati inoltre scoperti 3.164 lavoratori in nero o irregolari. Nell’ambito della tutela della spesa pubblica sono stati accertati danni erariali per oltre 137 milioni, scoperte frodi ai finanziamenti comunitari e nazionali per oltre 5,4 milioni e smascherati 67 “finti poveri”. La lotta ai traffici illeciti ha fruttato il sequestro di 174 chili di cocaina, 1.319 chili di droghe leggere e 19,5 tonnellate di tabacchi di contrabbando. Infine, per quanto riguarda la tutela del made in Italy, la guardia di finanza ha sequestrato oltre 674 mila articoli contraffatti e circa 20 mila prodotti pericolosi.