Tutti i rifiuti particolari si portano alla nuova area del Poggiolino

Inaugurato a Rapallo il centro di raccolta. Maini: “Abbiamo il 50% di differenziata e vogliamo, entro l’anno, raggiungere il 65%: saremmo il terzo Comune medio grande in Italia”.

E’ stato inaugurato questa mattina, a Rapallo, il nuovo centro di raccolta dei rifiuti differenziati, dove possono essere portati tutti i rifiuti, compresi sfalci di giardino, ingombranti, ferro e ceramica, come spiega il consigliere comunale con delega alla nettezza urbana, Arduino Maini: “Vi si possono portare tutti i rifiuti differenziata, ad eccezione, per ora, di quelli considerati pericolosi, come vernici o medicine scadute, per i quali non abbiamo ancora il permesso della Asl”.
A conferire i rifiuti speciali in questo nuovo centro ecologico potranno essere direttamente i cittadini, che trovano una maggior gamma di rifiuti di cui potersi disfare ed un sito più comodo rispetto a quello di Tonnego: “Basterà presentare la tessera sanitaria o altro documento che certifichi che si taga la Tarsu a Rapallo. Possono conferire tutti coloro che lo facciano, residenti o intestatari di seconda casa”.
Per l’amministrazione di Rapallo, che, circa un anno fa, ha assegnato la gestione del servizio di raccolta rifiuti alla ditta Aimeri, è il completamento delle strategie per potenziare la differenziata: “In un anno, siamo passati dal 22% al 50% di raccolta differenziata – spiega ancora Maini – e l’obiettivo è arrivare al 65% previsto dalla legge entro il 2012. Se ci riuscissimo, come pensiamo, saremmo il terzo Comune in Italia, tra quelli con più di 30mila abitanti, a centrare questo risultato”.