Tunnel della Fontanabuona, adesso bisogna stimare gli effetti

Incontro oggi in comune a Cicagna

I sindaci di riuniscono per consegnare ai progettisti una relazione con i numeri dello sviluppo che può essere legato all’infrastruttura.

Si riuniscono nel tardo pomeriggio di oggi, nel palazzo comunale di Cicagna, i sindaci della Fontanabuona. Sono chiamati a stimare , in termini numerici, l’impatto che la realizzazione del tunnel potrebbe avere sulla demografia e la presenza di imprese sul territorio, attraverso il recupero di case e capannoni abbandonati, ma anche la possibile creazione di nuove strutture, tra cui anche quelle turistiche. Sono dati richiesti dai progettisti della Società Autostrade, che torneranno a vedere i primi cittadini la settimana prossima, giovedì, per tirare le somme. Dopo il precedente studio del Politecnico di Milano, che bocciava l’opera per il rapporto tra costi e benefici di essa, adesso, dice l’assessore regionale alle Infrastrutture, Raffaella Paita “è giusto procedere non solo progettando, ma anche dimostrando il grande impatto che la nuova infrastruttura può avere sul territorio”. Paita assicura che questo è un corretto modo di procedere, e non la risposta ad una necessità di giustificare l’opera sotto il profilo politico: “Noi vogliamo il tunnel ed anche il Ministero, sino a qui, ci ha appoggiati, visto che è in corso la progettazione”.