Tragedia di Lumarzo, sospese le ricerche nei boschi della testa del pensionato

I carabinieri stamattina nei boschi di Craviasco
I carabinieri stamattina nei boschi di Craviasco

Le squadre dei vigili del fuoco e del soccorso alpino impegnate nei boschi di Craviasco sono rientrate, ma la testa del pensionato rinvenuto ieri sera in fondo a una scarpata non è stata ancora ritrovata. Continuano le indagini dei carabinieri, passati dall’ipotesi di un incidente a quella di omicidio per i segni di arma da fuoco sulla vittima.

Sono rientrate nel primo pomeriggio le squadre dei vigili del fuoco e del soccorso alpino che sono state impegnate da ieri nei boschi di Craviasco, nel Comune di Lumarzo, a seguito del rinvenimento del corpo decapitato di un pensionato del luogo, uscito la mattina per funghi. Il cadavere dell’uomo, Albano Crocco di 68 anni, è stato trovato ieri sera in fondo a una scarpata, privo della testa che, fino al rientro delle squadre non era stata ancora trovata. Sul posto sono rimasti i carabinieri, che indagano per chiarire la vicenda: mentre in un primo momento si era pensato a un incidente, nel corso della notte infatti si è fatta strada l’ipotesi di omicidio, alla luce del rinvenimento di segni di arma da fuoco sulla vittima. A Craviasco stamattina sono tornati anche gli uomini della sezione scientifica dei carabinieri.