Torrente in secca: nuovo allarme

quintali di pesci in 50 centimetri di acqua. Consumo idrico ridotto anche a Rapallo. Nuovo grido di allarme sulla situazione del torrente Lavagna, vittima del prelievo idrico. Ancora una volta, sono i pescasportivi della Fipsas a segnalare la secca che interessa il tratto tra Coreglia e Carasco. Umberto Righi ha chiesto alla polizia provinciale l’urgente recupero dei pesci impriginoati in pozze di minima dimensione nella zona dell’expò di Calvari e del ponte di Canevale. “Le buchesi sono ridotte a meno di 50 centimetri di acqua – riferisce Righi – dove stimiamo vivano quintali di pesce”.
Le piogge sparse del fine settimana non hanno migliorato la situazione in maniera significativa.

Nel frattempo, proseguono, infatti, i prelievi idrici, sebbene siano in vigore le ordinanze che limitano i consumi dell’acqua, vietando di riempire piscine, lavare auto e barche, bagnare gli orti nelle ore diurne. Il Comune di Rapallo l’ha adottata sabato, seguendo quelli di Camogli, Zoagli e Santa Margherita.


Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it