Ticket ed esenzioni, novità in autunno

Nuove norme per esenzioni e ticket

I cittadini cui spetta l’esenzione riceveranno un tesserino nominativo. Per quanto riguarda il ticket, quota fissa di 10 euro sulle prestazioni ambulatoriali e di 25 per quelle al pronto soccorso in codice bianco.

Novità in vista per le modalità di esenzione da reddito e il pagamento della quota di partecipazione alla spesa sanitaria attraverso il ticket. Dal primo novembre 2011 non si dovrà più apporre nessuna firma sulla ricetta, ma occorrerà essere in possesso dì un certificato che attesta lo stato di esenzione. Entro il 15 ottobre i cittadini che hanno diritto all’esenzione riceveranno un tesserino nominativo che riporterà il codice che il medico dovrà apporre sulla ricetta. I cittadini che non lo riceveranno, ma che hanno diritto all’esenzione per motivi di reddito, possono attestare la propria posizione presentando alla Asl di appartenenza una autocertificazione, per ottenere un certificato provvisorio nominativo di esenzione per reddito, valido fino al 31 marzo 2012. Intanto la Regione Liguria ha uniformato i criteri di esenzione da reddito: varranno gli stessi criteri di esenzione per condizione economica, sia per le prestazioni farmaceutiche che per le prestazioni di specialistica ambulatoriale. Per quanto riguarda il pagamento ticket, tutti gli assistiti non aventi diritto all’esenzione devono provvedere al pagamento di una quota fissa sulla ricetta pari a 10 euro per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, mentre per le prestazioni erogate in regime di pronto soccorso ospedaliere non seguite da ricovero e classificate come codice bianco è previsto il pagamento di una quota fissa di 25 euro (eccetto i minori di 14 anni e gli accessi per traumi e avvelenamenti acuti).