Telecamera per spiare l’ex moglie: denunciato barista di Pieve

Originale indagine per i carabinieri

Le aveva montato in casa un apparecchio collegato ad uno scanner. Nelle immagini, si vede anche lui che esegue l’installazione.

Aveva installato una micro telecamera per spiare, ora dopo ora, quanto avveniva nell’appartamento della ex moglie, ma un 42enne di Pieve Ligure, di professione barista, è stato scoperto, perché la donna, 40 anni, si è accorta della scomoda presenza in casa ed ha fatto intervenire i carabinieri di Pieve Ligure, a loro volta dipendenti dalla compagnia di Santa Margherita. I militari hanno ritrovato la microcamera, che era collegata ad uno scanner, per una trasmissione delle immagini in tempo reale sul computer dell’uomo. Inevitabile, a suo carico, la denuncia per “illecita itnerferenza in vita privata”: nessun dubbio sul fatto che a collocare l’apparecchio sia stato l’uomo, visto che, tra le immagini registrate, risulta, evidentemente per una distrazione del barista, anche il momento dell’installazione.