Strada di Caperana e diga Perfigli in consiglio comunale a Chiavari

La sede del comune, Palazzo Bianco

Convocazione per venerdì alle 12 della seconda riunione dell’era Di Capua. In discussione due temi che hanno segnato la campagna elettorale, importanti soprattutto per gli ultimi entrati nella coalizione del sindaco.

Si sta per riunire, a Chiavari, il secondo consiglio comunale del nuovo mandato amministrativo, che affronterà due temi che avevano animato la campagna elettorale, cari soprattutto agli alleati entrati nella coalizione di Di Capua tra il primo ed il secondo turno. All’ordine del giorno della riunione di venerdì, infatti, figura un atto di indirizzo che dovrebbe portare all’acquisizione al demanio, e quindi alla proprietà stabilmente pubblica, della strada interpoderale San Lazzaro – Ri Alto – Caperana, dove il Comune ha già realizzato l’illuminazione e dove ci sono state a lungo polemiche sullo stato di manutenzione: una questione più volte sollevata da Giovanni Giardini. Un ordine del giorno riguarda, invece, la cosiddetta “Diga Perfigli”, progetto circa il quale il nuovo sindaco aveva promesso di ritirare l’adesione di Chiavari dal protocollo di intesa generale. In questo caso, in particolare, Partecipattiva si è sempre battuta per contrastare il progetto della nuova grande sponda lungo l’Entella. Insolita anche l’ora di convocazione, di una riunione che sarà lunga, prevedendo otto punti complessivi, a cominciare dalla nomina di gruppi e capigruppo: mezzogiorno.