Stefano Gentili è stato ritrovato a Rezzoaglio

ricerche
Ricerche concluse

Si sono concluse ieri sera le richerche di Stefano Gentili, il 42enne di Piacenza del quale non si avevano più notizie dallo scorso 12 giugno. L’uomo è stato ritrovato da un carabiniere fuori servizio nei pressi del torrente Aveto, in località Moglia. Vivo, ma in pessime condizioni.

E’ stato un carabiniere fuori servizio a sentire richiami e lamenti in lontananza, ieri sera, in località Moglia, frazione del Comune di Rezzoaglio, vicino a Parazzuolo. Provenivano dal vicino torrente Aveto, dove il militare ha trovato un uomo in pessime condizioni fisiche e visibilmente disorientato. L’uomo era Stefano Gentili, il 42enne di Podenzana, provincia di Piacenza, del quale non si avevano più notizie dallo scorso 12 giugno. Dopo più di venti giorni di ricerca il caso è dunque arrivato alla sua conclusione. Alle ricerche hanno partecipato tanti volontari, i vigili del fuoco e la protezione civile della Croce Verde Chiavarese. L’uomo era denutrito, con la barba lunga e chiaramente provato. In codice rosso è stato portato all’ospedale di Lavagna. Resta ora da capire come sia arrivato in Val d’Aveto e cosa abbia fatto in queste tre settimane, riuscendo a sopravvivere in condizioni estremamente difficili.