Spezia o Città Metropolitana, i sindaci chiedono autonomia per il Tigullio

Tutto da decifrare il futuro del Tigullio

Si sono incontrati ieri sera i primi cittadini di Chiavari, Lavagna, Rapallo, Santa Margherita Ligure e Sestri Levante. Alla fine una presa di posizione comune: salvaguadare l’autonomia del Tigullio.

Continua a far discutere il futuro amministrativo del Tigullio, sospeso tra la possibilità di essere inglobato nella Provincia della Spezia o nella Città Metropolitana di Genova. Ieri sera si sono incontrati per discutere del problema i sindaci di Chiavari, Lavagna, Rapallo, Santa Margherita Ligure e Sestri Levante. I cinque primi cittadini hanno convenuto sulla necessità di salvaguardare l’autonomia del Tigullio. La volontà comune emersa è quella di non vedere le proprie amministrazioni inghiottite da altre macchine amministrative. Precisa in particolare il sindaco di Chiavari Roberto Levaggi: “Non si tratta in questo momento di scegliere tra Genova e La Spezia, ma di garantire e preservare un’autonomia e una forza che i Comuni del Tigullio hanno sempre avuto”. Intanto, sul tema arriva anche un appello da parte del commissario straordinario della Provincia Piero Fossati, che invita i comuni del territorio ad attivarsi con una proposta che preveda l’elezione diretta del sindaco della Città Metropolitana.