Si indagano le cause dell’invasione di pesci morti

Ieri pomeriggio centinaia di “bugghe” e piccoli pesci hanno invaso la spiaggia centrale di Recco. Oggi si analizzano le cause: “Eravamo informati fin da metà giornata – dice l’assessore Gandolfo -, ma si tratta certamente di qualche peschereccio che si è liberato di una pescata inutile”. Ieri la spiaggia centrale di Recco è stata invasa da centiania di piccoli pesci, portati sul posto dalle onde del mare. All’indomani del fenomeno, che ha provocato il fuggi fuggi dei bagnanti, si cercano le cause. A Recco si vuole in primo luogo tranquillizzare turisti e bagnanti, tenendo l’episodio al di fuori di fenomeni di inquinamento. L’assessore Carlo Gandolfo, che segue da tempo la situazione della zona a mare cittadina, non ha dubbi: “Sono tutti pesci dello stesso tipo, e di nessun valore commerciale. Certamente si tratta di qualche peschereccio che ha rotto le reti, o si è liberato di una pescata inutile. Eravamo avvertiti già da metà giornata, ma il fatto non è indcie di nessuna situazione pericolosa”.