Sestri Levante, le analisi escludono sversamenti fognari a Portobello

furto
La Baia del Silenzio a Sestri Levante

Esclusa la possibilità di uno sversamento fognario. È stata invece rilevata una presenza di oli e tensioattivi, che fa presumere a uno sversamento improprio di
tali elementi.

A seguito di alcune segnalazioni arrivate nella serata di domenica 6 agosto, che rendevano nota la presenza di chiazze di schiuma bianca in Baia del Silenzio, l’ufficio Ambiente del Comune di Sestri Levante ha proceduto a fare analizzare le acque di Portobello prelevandone alcuni campioni durante un sopralluogo avvenuto nella prima mattina di lunedì. A seguire è stato effettuato un secondo sopralluogo a metà mattinata con la Capitaneria di Porto. I risultati delle analisi, disponibili alla fine della giornata di ieri, hanno evidenziato una bassa presenza di Escherichia Coli e di batteri simili, condizione che porta a escludere la possibilità di uno sversamento fognario. È stata invece rilevata una presenza di oli e tensioattivi, che fa presumere a uno sversamento improprio di
tali elementi (olio e saponi, non dannosi per la salute anche se certamente non piacevoli alla vista) nella rete delle acque bianche meteoriche. A ogni buon conto il sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio ha contestualmente e formalmente chiesto alla ditta Ireti/Idrotigullio un’ulteriore e approfondita verifica, oltre a quelle di routine, sullo stato generale del sistema di depurazione, sullo stato degli allacci fognari della zona e sullo stato della stazione di sollevamento di Portobello, della nuova stazione di sollevamento lungo Petronio e di quella alla foce Gromolo.