“Senso unico alternato sulla sp della Scoglina entro Pasqua”

Sopralluogo sulla frana della Scoglina
Sopralluogo sulla frana della Scoglina

“Se le condizioni meteo e l’andamento dei lavori lo consentiranno – dice Nino Oliveri – prevediamo, come abbiamo condiviso questa mattina, di poter riaprire a senso unico alternato questo tratto entro un paio di settimane”.

Il taglio di alberi e piante per liberare la zona delle operazioni sul versante è  già a buon punto e anche per i massi e i materiali instabili sopra la provinciale della Scoglina “si parte subito” dice Nino Oliveri, consigliere delegato della Città metropolitana di Genova che questa mattina ha partecipato con l’assessore Giacomo Giampedrone e  il consigliere Claudio Muzio della Regione e il sindaco di Lorsica Aulo De Ferrari al sopralluogo per fare il punto definitivo sulla situazione e sugli interventi, finanziati da risorse regionali delle accise e il cofinanziamento della Città metropolitana e attivati in somma urgenza dal Comune. Ora l’impresa incaricata inizierà a rimuovere dal versante tutto il materiale possibile , seguirà quindi la demolizione dei macigni in bilico più grandi (ce n’è anche uno da 17 tonnellate a 120 metri d’altezza sulla strada) e poi rocce, pietra e terra saranno sgomberati con mezzi meccanici della Città metropolitana e portati via con i camion. “Se le condizioni meteo e l’andamento dei lavori lo consentiranno – afferma Oliveri – prevediamo, come abbiamo condiviso questa mattina, di poter riaprire a senso unico alternato questo tratto entro un paio di settimane, appena concluse le operazioni di bonifica che saranno seguite dalla realizzazione degli interventi strutturali per la protezione della strada.” Riguarderanno in particolare l’installazione in parete delle reti paramassi, perpendicolari al versante e ancorate su pali.