Sciopero e volantinaggi per dire no alla privatizzazione di Atp

Il tavolo dei sindacalisti
Il tavolo dei sindacalisti

I sindacati continuano la loro battaglia per contrastare l’ingresso dei privati. Uno sciopero di 24 ore è stato proclamato per il 5 aprile e dal 14 al 21 marzo ci saranno volantinaggi, con raccolta firme, in sette diversi Comuni.

Uno sciopero di 24 ore il prossimo 5 aprile ed una campagna di volantinaggio e raccolta firme, che durerà sette giorni, per dire no alla privatizzazione di Atp. Sono queste le ultime iniziative messe in piedi dai sindacati e presentate questa mattina in conferenza stampa dai rappresentanti di Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl Trasporti. Preoccupa la ventilata vendita del pacchetto azionario, pari al 48% dell’azienda, in mano ad Smc ai privati di Autoguidovie Italiane. “Il giorno prima abbiamo firmato un accordo ed il giorno dopo siamo venuti a sapere di questa vendita”, protesta Camillo Costanzo, segretario di Filt Cgil Liguria. La richiesta rivolta ad Atp è che Città Metropolitana e Comuni facciano valere il diritto di prelazione. “Se c’è la volontà politica i soldi si trovano”, sostiene Costanzo, che torna a proporre anche un’integrazione fra Amt e Atp. La privatizzazione fa paura perché si teme una riduzione del servizio, coniugata all’aumento delle tariffe. A pagarne il prezzo sarebbero le fasce sociali più deboli. Ai sindacati poi non è piaciuto il modo in cui si è arrivata alla vendita delle azioni di Smc. Loris Galvan di Fit Cisl parla di “caratteristiche massoniche” alludendo alla segretezza della trattativa, mentre Silvio Firpo di Ugl Trasporti riporta le voci secondo cui ci sarebbero anche nuove offerte: una in particolare, dell’azienda Arriva, da 1,3 milioni di euro. I volantinaggi e la raccolta di firme si terranno la prossima settimana, dalle 8 alle 13.30, secondo il seguente calendario: lunedì a Rapallo, martedì a Santa Margherita Ligure, mercoledì a Casarza Ligure, giovedì a Lavagna, venerdì a Chiavari e sabato a Sestri Levante. Lunedì 21 marzo l’ultimo appuntamento sarà a Genova.