Scioperano gli avvocati, processi fermi a Chiavari

Il Tribunale di piazza Mazzini

La categoria protesta contro gli atteggiamenti della magistratura inquirente letti come lesione dei diritti degli imputati. L’agitazione dura ben cinque giorni.

E’ lo sciopero più lungo che si ricordi, quello proclamato dall’Unione delle Camere Penali. Gli avvocati si astengono dalla propria attività da oggi a venerdì compresi: “La funzione difensiva sta subendo attacchi gravissimi e numerosi – dice l’avvocato Silvio Romanelli, presidente della camera penale “Ernesto Monteverde” di Chiavari -. Penso alle iscrizioni ritardate sui registri degli indagati, con le quali i futuri imputati vengono interrogati per giorni come testimoni, senza un avvocato difensore. Penso all’utilizzo, che non dovrebbe essere consentito, di intercettazioni telefoniche tra difensore e imputato. Penso a episodi come una persona arrestata all’interno dello studio dell’avvocato o, come ad Avetrana, all’apertura di una inchiesta perché la linea difensiva dell’avvocato era diversa da quella indicata dal cliente”. Gli avvocati sollecitano, allora, la riforma forense che da anni è ferma nei progetti della politica nazionale. Per tutta la settimana, saranno garantiti solo atti urgenti per i detenuti.