“Santa nel mondo”, un comitato per il rilancio di immagine

Santa Margherita

Si punta su una Santa Margherita capofila per la qualità della vita. Tutto nasce dalla protesta contro il progetto del porto, nel cui ambito scatta la raccolta di firme.

Dalla protesta contro il progetto che prevede l’ampliamento del porto di Santa Margherita è nato un comitato, che si chiama “Santa nel mondo” vuole rilanciare il nome ed il prestigio turistico della città, attraverso iniziative che nascano dal contributo dei suoi aderenti che, in molti casi, sono turisti stabili di Santa Margherita, italiani e stranieri. Come dice Marco Delpino, promotore dell’iniziativa, una idea c’è già: “Una prima fase collaborativa sarà attuata, ad esempio, con ‘Polis Maker Lab’, uno dei laboratori di eccellenza di respiro internazionale del Politecnico di Milano, che ha elaborato un ‘marchio di qualità’, da assegnare alle città che della qualità di vita fanno il proprio modo di essere. All’incontro di oggi, infatti, era presente il professor Paolo Maria Di Stefano, esperto di marketing all’Università di Perugia e delegato dal Presidente del laboratorio, professor Angelo Caruso Di Spaccaforno”. Il presidente del comitato è Pier Luigi Bottinelli, vice presidente vicario Alberto Cattaneo, segretario coordinatore Marco Delpino; consiglieri: Pino Sala e Paolo Maria Di Stefano. In contemporanea, è partita la raccolta di firme per contrastare il progetto del porto del gruppo Bandera. Le firme si raccolgono presso il Punto Incontro della Tigulliana tutti i giorni feriali dalle 9 alle 12 e dalle 16.30 alle 19, mentre un gazebo sarà allestito domani, domenica mattina, in Piazza Caprera.