Santa Margherita, grande crescita della differenziata

Santa Margherita aumenta la differenziata

Dati provvisori indicherebbero che l’apertura dell’ecocentro di via Dogali avrebbe portato la percentuale, in estiva, al 45%. La popolazione è invitata a portarvi olio esausto e sfalci.

Santa Margherita punta forte al traguardo del 45% di raccolta differenziata, dopo aver raggiunto l’anno scorso il 35. Secondo dati ancora provvisori, infatti, con l’apertura, dallo scorso gennaio, del nuovo eco-centro di Via Dogali, la percentuale, in estate, sarebbe cresciuta proprio sino al 45%. Il sito permette, infatti, la separazione meccanica e il trattamento dei rifiuti indifferenziati. L’assessore all’ambiente Michele Corrado spiega le ulteriori novità: “Il sito è ora aperto tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 9 alle 12 e non solo 3 giorni settimanali . In attesa di specifici contenitori, dovranno essere conferiti direttamente al Centro i toner per stampanti esausti e l’olio usato da cucina, che dovrà essere raccolto in un contenitore di vetro o plastica. Invito anche i giardinieri e i privati che curano direttamente il proprio giardino a conferire all’ecocentro il verde da sfalcio e le ramaglie.Nei contenitori per la plastica è ora concesso gettare nylon, piccoli imballi di polistirolo, contenitori plastici di detersivi, bottiglie di plastica tradizionali e vettovaglie da picnic, mentre il tetrapak può essere depositato nei bidoni della carta”.