Santa Margherita, bilancio approvato alle 3 di notte

La scalinata di San Giacomo di Corte

Discussione e convergenze su tennis e ospedale. Sulla farmacia di San Siro il sindaco ribadisce il ricorso al Consiglio di Stato.

Il consiglio comunale di Santa Margherita, ieri, si è concluso pochi minuti dopo le 3 di notte, con l’approvazione del bilancio. Prima di quello, però, l’assemblea si è occupata di temi specifici. Tutti insieme, maggioranza e opposizione hanno sottoscritto un ordine del giorno in cui chiedono il mantenimento dei vincoli sanitari sulla struttura dell’ospedale, mentre, a seguire, incalzato dalle minoranze, il sindaco De Marchi ha ribadito che porterà al Consiglio di Stato il caso della farmacia comunale, dopo che il Tar ha accolto il ricorso contro la sua vendita. Da ultima, la questione del circolo tennis: il consiglio ha approvato l’ordine del giorno che prevede l’apertura della struttura entro il 15 luglio, con gestione sino a fine anno, prima della cessione ai privati che dovrebbe operare la Regione. Anche su questo tema si registrano convergenze, visto che “Gente per Santa” ha accolto due emendamenti delle opposizioni. Il bilancio, invece, pareggia a 25 milioni e 300mila euro. Quella di ieri è stata l’ultima seduta di consiglio per l’assessore esterno Stefano Chioggia, incaricato dell’innovazione tecnologica, che ha rassegnato le sue dimissioni.