Sanità: meno strutture complesse, più prestazioni ambulatoriali (e ticket)

E' un momento di rivoluzione per la sanità

Su base regionale le strutture complesse scendono da 266 a 219. L’Asl 4 perde due primariati. Nello stesso tempo vengono classificate “ambulatoriali” 24 prestazioni: si pagherà il ticket.

Partirà da gennaio il piano di riduzione delle strutture complesse cliniche deciso oggi dalla Giunta Regionale su proposta dell’assessore alla salute Claudio Montaldo, sulla base dei criteri elaborati dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali. Nella proposta è prevista la riduzione delle strutture complesse duplicate nell’ambito della stessa disciplina. In sostanza, le attuali 266 strutture complesse distribuite in tutte le Asl regionali scenderanno a 219, con una riduzione quindi di 47 primariati. Nel dettaglio, per quanto riguarda l’Asl 4 Chiavarese, si prevede di passare dalle attuali 26 strutture complesse a 24.

Sempre in tema di sanità, l’Asl 4 comunica che a partire dal 1° gennaio, in attuazione di disposizioni della Regione, una lunga serie di prestazioni mediche verranno erogate in regime ambulatoriale, con conseguente contribuzione alla spese, attraverso il ticket, da parte dei cittadini. Si tratta complessivamente di 24 prestazioni che possono essere prescritte esclusivamente da medici specialisti. Un ventaglio molto variegato di prestazioni, che vanno dall’intervento per la liberazione del tunnel carpale alla cataratta, fino all’amputazione di dita della mano e del piede.