S. Margherita, sono saliti a cinque i casi certi di punteruolo rosso

La prima palma colpita dal punteruolo rosso
La prima palma colpita dal punteruolo rosso

Si diffonde l’insetto parassita che uccide le palme. L’assessore all’ambiente, Michele Corrado, chiede alla Regione un trattamento preventivo e cerca la collaborazione… dei bambini.

Non si ferma la diffusione del punteruolo rosso, l’insetto parassita che uccide le palme e, nel Tigullio, ha fatto la prima comparsa a Santa Margherita. Sono saliti a cinque, secondo quanto fa sapere lo stesso Comune sammargheritese, i casi conclamati, ai quali si sommano 3 esemplari tenuti sotto monitoraggio. L’assessore all’Ambiente, Michele Corrado, proporrà, pertanto, alla Regione, per avere le autorizzazioni, un trattamento preventivo mediante irrorazione della chioma con un prodotto repellente. Anche questo, però, non può consentire di frenare completamente il contagio, per il quale, al momento, non esistono contromisure certe. La segnalazione dei casi conclamati è importante per rallentarlo e così, lunedì 3 febbraio, Corrado terrà una conferenza ai bambini di 3°, 4° e 5° elementare per spiegare il riconoscimento delle palme colpite dal parassita.