Rubato il quadretto della Madonna di Montallegro

Il santuario di Montallegro
Il santuario di Montallegro

Ignoti si sono introdotti nella notte nel santuario. Profanato anche il tabernacolo dell’Eucarestia e rubati altri elementi.

E’ un furto sacrilego clamoroso quello avvenuto nel corso della notte. Ignoti ladri si sono introdotti all’interno del santuario di Montallegro, dove hanno portato via, insieme alla cornice e ad altri elementi dell’altare , il quadretto che la tradizione vuole sia stato lasciato dalla Madonna al contadino Giovanni Chichizola, nella famosa apparizione del 2 luglio 1557. Gli autori hanno anche aperto il tabernacolo, gettando a terra le ostie consacrate: oltre al furto, quindi, c’è il gesto sacrilego. Sul posto gli inquirenti, ma anche il vescovo, monsignor Alberto Tanasini, e il sindaco, Carlo Bagnasco.

Al quadretto di Montallegro, tipica icona ortodossa che raffigura la morte corporale della Madonna assunta in cielo, sono ricondotte diversi racconti della storia della città. Non un furto, ma una regolare “restituzione”, sancita dal tribunale di Genova, fu quello dei marinai di Ragusa, odierna Dubrovnik, che, in visita al Santuario, nel Seicento, riconobbero il quadro come originario di una loro chiesa. Dalla nave che doveva riportarlo oltre mare, si narra che il quadretto si scomparso, per ricomparire a Montallegro.