Riduzione in schiavitù, due arresti a Rapallo

Sconcertante intervento della polizia a Rapallo

I genitori segregavano e maltrattavano la figlia di dodici anni: operazione della polizia, a seguito di una telefonata anonima al Telefono Azzurro.

La picchiavano e insultavano, la tenevano sul terrazzo in pigiama, la obbligavano a servire se stessi ed i due fratelli e a mangiare solo i loro avanzi. Queste sono solo alcune delle violenze subite da un ragazzina di dodici anni da parte del padre albanese e della madre ecuadoriana. I fatti sono avvenuti a Rapallo, sino a pochi giorni fa, quando si è conclusa l’operazione della polizia del commissariato cittadino, che, dopo una segnalazione anonima al Telefono Azzurro e dopo l’avvio di una procedura al Tribnale dei Minori, hanno arrestato i due e affidato la ragazzina ai servizi sociali del Comune. Le accuse a carico dei genitori sono sequestro di persona e riduzione in schiavitù.