Rapina in treno a Lavagna: in carcere un tunisino ed un siriano

carabinieri
I carabinieri hanno condotto le indagini

Lo scorso 5 luglio due stranieri avevano rapinato in treno un 35enne di Sestri Levante, dopo avergli spruzzato uno spray urticante in faccia. Entrambi sono stati arrestati: sono un tunisino di 25 anni ed un siriano di 20.

Lo scorso 5 luglio un 35enne di Sestri Levante – era quasi mezzanotte – era stato aggredito in treno da due sconosciuti mentre tornava a casa. I due gli avevano spruzzato una sostanza irritante in faccia e rubato lo zaino, contenente effetti personali e 40 euro in contanti. L’uomo era sceso a Lavagna ed aveva denunciato l’accaduto ai carabinieri. Caso vuole che proprio quella mattina i carabinieri di Santa Margherita Ligure avessero controllato a Rapallo due extracomunitari, trovandoli in possesso di una bomboletta spray al peperoncino, per altro di libera vendita. Grazie anche a questa dritta, i carabinieri di Sestri Levante, con la collaborazione ovviamente dell’aggredito, sono arrivati all’identificazione dei due rapinatori. Uno dei due, un tunisino di 25 anni, è stato arrestato lo scorso 11 luglio, nei pressi della stazione ferroviaria di Zoagli. Un successivo controllo in banca dati ha permesso di accertare che il suo complice era stato arrestato a metà mese per una rapina in un supermercato: era finito in manette dopo aver spruzzato lo spray alla cassiera, allo scopo di rubare qualche bottiglia di birra. Si tratta di un siriano di 20 anni, riconosciuto dalla vittima, al quale in carcere i carabinieri di Lavagna hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare anche per l’episodio del treno.