Rapallo, nelle opere pubbliche arrivano la passeggiata e piazza Molfino

Il consiglio comunale si è svolto ieri sera

Respinta la richiesta di abbattimento e ricostruzione di un edificio, con spostamento da Tonnego a San Michele. Nel dibattito si è parlato di “rapallizzazione 2.0”.

Non è passata, nel consiglio comunale di Rapallo, la richiesta di un privato di abbattere un edificio non residenziale in via Tonnego, per ricostruirlo in via Fioria, sopra San Michele, in versione residenziale. Unanime il voto per respingere la pratica: se per l’ex sindaco Giorgio Costa essa non doveva neppure arrivare in consiglio, secondo il grillino Federico Solari “è iniziata la rapallizzazione 2.0”, e nel dibattito sulle opere edilizie possibili a Rapallo è stata rievocata Villa Costanza, con autorizzazione all’ampliamento assegnata nell’ambito del progetto del marciapiede lungo la Pagana. Si è poi passati al voto per integrare il piano delle opere pubbliche con gli 8 milioni di euro sbloccati quest’anno dal patto di stabilità. Ci sono 705mila euro per rinforzare la copertura del San Francesco, intervento che dovrebbe partire a gennaio, 632mila per la passeggiata a mare, che dovrà essere rifatta per il passaggio dei tubi diretti al depuratore di Ronco, 500mila per rifare piazza Molfino, la piazza della stazione, ancora 632mila per la pavimentazione del centro storico. Tra le opere principali che erano già inserite nell’elenco, l’ampliamento del sottopasso di via Rosselli e il nuovo marciapiede a San Pietro, entrambi lavori sopra ai 600mila euro.