Rapallo, Giorgio Costa apre ad Andrea Carannante: “Parliamone”

Giorgio Costa risponde ad Andrea Carannante

Il candidato del Partito Comunista dei Lavoratori aveva chiesto ai candidati al ballottaggio di inserire cinque punti nel proprio programma. Costa apre su tre e non si esprime sugli altri due.

In vista del ballottaggio di Rapallo, Giorgio Costa apre ad Andrea Carannante, che negli scorsi giorni aveva promesso i voti del Partito Comunista dei Lavoratori al candidato che avesse accolto cinque proposte. Costa si dice d’accordo su quella che prevede il mantenimento del vincolo industriale permanente per l’area Mares a San Pietro. In merito alla chiesa di Sant’Anna, Costa non appoggia la richiesta di ritiro della licenza edilizia, ma promette che vigilerà sul rispetto dei vincoli del progetto, che comprende anche aree ad uso pubblico. Sull’IMU, Costa non arriva al rifiuto dell’applicazione per la prima casa, ma garantisce il suo intervento per non penalizzare ulteriormente i proprietari di prima casa e residenze ad esse equiparate. Nulla dice invece sulle altre due richieste di Carannante, il blocco della costruzione del depuratore in zona Ronco e l’istituzione di un pubblico registro per il riconoscimento delle coppie di fatto.