Raccolta differenziata, il “caso Recco” discusso in Regione

Il consigliere regionale Roberto Bagnasco
Il consigliere regionale Roberto Bagnasco

Ieri Roberto Bagnasco di Forza Italia ha illustrato un’interrogazione relativa alla raccolta differenziata, ricordando la condanna per danno erariale che ha toccato gli amministratori di Recco.

Il consigliere regionale di Forza Italia Roberto Bagnasco ha illustrato ieri un’interrogazione relativa alla raccolta differenziata. Ricordando come nel 2012 solo cinque Comuni liguri abbiano raggiunto la percentuale del 65% prevista dalla normativa, il caso degli amministratori di Recco condannati per danno erariale e l’ordine del giorno approvato all’unanimità dal consiglio regionale che impegnava la Regione ad intervenire presso il Ministero dell’Ambiente per porre una concreta attenzione nei confronti di questa vicenda. Bagnasco ha quindi chiesto conto delle azioni finora intraprese dalla Regione. L’assessore all’ambiente Renata Briano ha risposto che la giunta ha licenziato un apposito piano che non rigetta l’obiettivo del 65%, ma che prevede un percorso a step. Nello stesso tempo la Regione si è mossa a livello nazionale perché la normativa sia modificata. Una risposta che non ha soddisfatto Bagnasco, secondo il quale raggiungere oggi l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata è utopistico.