Proseguono le indagini sull’omicidio di Adriano Costa

L’autopsia ha confermato che i due colpi sono stati esplosi da distanza ravvicinata. Gli inquirenti continuano ad interrogare i conoscenti dell’uomo per acquisire elementi sulla sua vita.Proseguono le indagini per identificare chi ha ucciso lunedì mattina a Lavagna il 64enne Adriano Costa. Sul corpo dell’uomo è stata eseguita l’autopsia, è risultato che quando gli hanno sparato Costa era in piedi, gli spari sono partiti da distanza ravvicinata e le due pallottole, dopo aver perforato il cranio, sono uscite dalla parte opposta. Gli inquirenti hanno interrogato a lungo una persona, nei confronti della quale non è però stato emesso alcun provvedimento. Proseguono gli interrogatori, si indaga nel giro delle conoscenze dell’uomo per conoscere più nel dettaglio che tipo di vita conducesse, mentre gli inquirenti aspettano alcune risultanze tecniche, come l’esame delle impronte, nella speranza di ricavare qualche elemento utile per risolvere il caso.

Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it