Preli, il comitato è ancora critico

L'area dell'ex cantiere navale di Preli
L’area dell’ex cantiere navale di Preli

Bene aver evitato la passeggiata sopra l’arenile, ma anche “Salviamo la spiaggia più bella” evidenzia che il nuovo corso pedonale è stretto e la ciclabile lungo la ferrovia porta via parcheggi.

“Sono state sistemate le incongruenze più gravi, come l’assurda passeggiata, ma si passa all’adozione dello Strumento urbanistico attuativo con una serie di riunioni fra la commissione ed i consigli comunali con una enorme fretta, non nell’interesse pubblico”. Lo dice, a proposito del progetto di Preli, il comitato “Salviamo la spiaggia più bella”, che rivendica, a seguito della commissione consiliare, come “La firma in più del dirigente dei lavori pubblici non avrebbe fatto male. Pare invece non arrivi”. Le critiche alla nuova versione del progetto sono le stesse avanzate dalle minoranze e dal consigliere regionale Capurro: “La passeggiata è larga solo 3,5 metri. La pista ciclabile spostata aderente alla ferrovia dovrà effettuare due attraversamenti di carreggiata e perderà perciò qualsiasi valore, oltre a causare l’eliminazione di una riga di parcheggi per motocicli. I parcheggi realizzati all’interno dell’area privata e ceduti al Comune per favorire l’intervento sono troppo pochi, con saldo negativo tra quelli realizzati e quelli eliminati”.