Porto di Santa Margherita: le promesse della Santa Benessere & Social

Il primo progetto della Santa Benessere & Social

Ieri sera il presidente Angiolino Barreca ha illustrato il nuovo progetto. La novità più consistente: sparisce il prolungamento della diga foranea.

Cadono i veli sul nuovo progetto di riqualificazione del porto di Santa Margherita Ligure della Santa Benessere & Social. E’ stato Angiolino Barreca, presidente della società, ad illustrare ieri sera nel corso di una pubblica assemblea le linee guida del nuovo progetto. Ad ascoltarlo non c’era il sindaco Roberto De Marchi: in questa fase l’amministrazione comunale ha infatti deciso di rimanere in disparte, anche perché ricordiamo sul piatto c’è anche un secondo progetto, presentato dall’Ati Porto Cavour. Niente rendering ieri sera per Barreca, che ha illustrato un progetto profondamente diverso dal precedente. L’elemento che balza subito agli occhi è che non è più previsto l’allungamento, si parla di 80 metri, della diga foranea. Spariscono dunque di conseguenza anche i 150 posti barca in più previsti dal primo progetto. Di conseguenza diminuisce però anche la portata dell’investimento, che passa da 56 a 20 milioni di euro. Ora Santa Benessere & Social punta ad una concessione di circa cinquat’anni, mentre inizialmente la concessione doveva addirittura essere novantennale.