Ponte della Libertà, se ne occuperà il Collegio di vigilanza?

La piana dell'Entella al centro del dibattito
La piana dell’Entella al centro del dibattito

Chiavari non vuole più la demolizione, mentre Lavagna chiede la convocazione del Collegio di Vigilanza, l’0rgano che deve verificare l’adempimento degli obblighi di tutti gli enti coinvolti.

Il consiglio comunale di Chiavari ha approvato lo scorso 2 aprile un ordine del giorno contrario alla demolizione e ricostruzione del ponte della Libertà. Ed ora arriva la presa di posizione del sindaco di Lavagna, Giuliano Vaccarezza: “Siamo disponibili ad altre soluzioni concordate, che tuttavia non mettano in discussione la messa in sicurezza. Nel frattempo si sospende ogni attività di affidamento di incarico progettuale relativamente al Ponte della Libertà”. Parole che il sindaco ha scritto in una lettera inviata a Regione e Provincia ed ai Comuni di Carasco, Chiavari e Cogorno. Vaccarezza ricorda il protocollo d’intenti e l’accordo di programma firmato dagli enti interessati alla messa in sicurezza dell’Entella e chiede la convocazione del Collegio di vigilanza, cui è demandato il controllo sul corretto adempimento degli obblighi e degli impegni previsti dall’accordo. Il rifacimento del Ponte della Libertà era stato indicato come necessario nell’ambito della messa in sicurezza dell’Entella. Il dietrofront di Chiavari sembra aver spiazzato Lavagna, che avrebbe dovuto espletare la gara per la progettazione preliminare, mentre compito di Chiavari era quello di eseguire le indagini geognostiche.