Polizia penitenziaria, sette nuovi agenti al carcere di Chiavari

Lo annuncia il Sappe, che però precisa: “Occorrerà attendere le mobilità per essere certi dell’entità del rinforzo di organico”.

Tra le tante notizie di tagli alla spesa pubblica che si succedono da tempo, con relative lamentele, stavolta possiamo dare conto di un servizio potenziato. Terminato il corso di formazione, infatti, sessantasei agenti di polizia penitenziaria giungeranno a rinforzare gli esigui organici del corpo in Liguria. Alla casa circondariale di Chiavari, secondo quanto riferisce il sindacato autonomo Sappe, sono destinati due agenti donne e cinque uomini. Tuttavia, avverte in segretario del Sappe, Roberto Martinelli, “a seguito di queste assegnazioni è stato predisposto un piano dei mobilità del personale che aspira al cambio di sede e quindi è prematuro dire quante unità andranno effettivamente ad incidere sugli organici. Certo, questo è un primo segnale che sembra positivo”.