Pioggia e freddo, Arpal fa un bilancio del 2018

mareggiata
Bilancio meteo di Arpal per il 2018

Si tirano le somme anche dal punto di vista meteo per l’anno che ci ha appena lasciato.

Mentre il 2019 si è aperto all’insegna del tempo stabile e del freddo, è il momento dei bilanci da parte di Arpal sul fronte meteorologico, per l’anno appena trascorso. Il 2018 ha concentrato gli eventi più intensi nel passaggio perturbato di fine ottobre. Il 27, infatti, all’inizio della lunga fase perturbata che ha interessato la Liguria, si sono registrate le massime cumulate giornaliere di pioggia, tutte in stazioni della provincia di Genova: Cabanne di Rezzoaglio ha raccolto 306.4 millimetri in 24 ore, Torriglia 302.8. Durante questa fase di maltempo ci sono stati numeri da record, come ben noto, anche per quanto riguarda mare e vento. La storica mareggiata del 29 e 30 ottobre è provata anche dai dati della boa di Capo Mele: alle 20.30 del 29 si è registrata un’altezza massima di 10.31 metri, alle 23 una significativa di 6.41 metri. Per quanto riguarda il vento, invece, anemometri a fondo scala sempre il 29 ottobre: il dato di 180 km/h registrato a Marina di Loano (l’altra stazione che ha toccato questo valore è stata quella di Fontana Fresca, nel comune di Sori) è il più alto mai raggiunto in stazioni costiere, peraltro con vento da sud; negli anni passati simili valori si erano verificati sulle alture e con ventilazione da nord. Tornando alla pioggia, il record dell’ultimo decennio rimane quello di Barbagelata, dove nel 2014 la cumulata annua fu di ben 4.181,6 millimetri. Venendo all’attualità, la notte appena trascorsa è stata gelida nelle zone interne della regione ma fredda anche lungo la costa. I valori registrati dalla rete Omirl sono davvero ragguardevoli: le temperature più basse si sono avute a Cabanne, stazione a 809 metri nel comune di Rezzoaglio con -11.9 e a Pratomollo, 1.520 metri nel comune di Borzonasca, con -10.7. Quasi tutte le stazioni dell’entroterra hanno fatto registrare minime negative, -6.7 a Santo Stefano d’Aveto, -5.2 a Torriglia, -4.4 a Varese Ligure,  mentre, lungo la costa i valori sono rimasti bassi, Chiavari 2.4. Nel fine settimana, è previsto un rialzo delle temperature complice dapprima l’inserimento di un debole flusso meridionale quindi, tra domani e domenica, una rotazione dai quadranti settentrionali con un possibile effetto favonico che, sulla costa, potrebbe riportare le massime su valori miti. Una nuova discesa di aria più fredda è attesa per la prossima settimana ma i dettagli di questa nuova fase meteo andranno definiti nei prossimi giorni, concludono i previsori meteo.