Pericolo sulla Pagana, De Marchi scrive al Prefetto, Capurro insorge

L'incantevole San Michele di Pagana
L’incantevole San Michele di Pagana

Il sindaco di Santa Margherita Ligure si rivolge a Prefetto e commissario prefettizio per segnalare lo stato di degrado dell’edificio in prossimità della strettoia, ma Capurro non ci sta: “Pensi al suo Comune”.

Il sindaco di Santa Margherita Ligure Roberto De Marchi ha scritto al Prefetto ed al commissario prefettizio di Rapallo per segnalare lo stato di degrado ed una potenziale situazione di pericolo in merito al palazzo di San Michele di Pagana che si trova nei pressi della strettoia. “L’edificio ricade nel Comune di Rapallo – spiega De Marchi – ma la strada sulla quale si affaccia viene attraversata quotidianamente da migliaia di miei concittadini e da persone che a diverso titolo si recano nel nostro territorio. Per questo ho ritenuto doveroso segnalare il problema e sollecitare una soluzione, che forse potrebbe essere individuata in appositi teli che salvaguardino la parte bassa della costruzione”.

Appresa la notizia della lettera del sindaco di Santa Margherita Ligure, anche Armando Ezio Capurro ha scritto al commissario prefettizio di Rapallo, per ricordare come in merito all’edificio in questione penda un ricorso al Consiglio di Stato da parte della Soprintendenza. “In ogni caso – scrive Capurro – mi risulta che gli uffici comunali abbiano già verificato lo stati dei luoghi ben prima dell’intervento del sindaco di Santa”. L’ex presidente del consiglio comunale di Rapallo invita quindi De Marchi ad occuparsi dei problemi del suo Comune “come il rispondere ai cittadini che chiedono notizie circa le autorizzazioni dello scarico dei massi in zona Covo e circa le operazioni immobiliari del vecchio ospedale”.