Parco di Portofino, è profonda la spaccatura tra l’amministrazione di Rapallo e la Lega

Alessandro Piana e Sandro Garibaldi

Continua a far discutere il voto del consiglio comunale di Rapallo che ieri sera ha approvato l’inclusione di circa 800 ettari del proprio territorio all’interno del Parco Nazionale di Portofino.

Il MoVimento 5 Stelle si è astenuto sulla pratica e la consigliera Isabella De Benedetti oggi definisce la proposta presentata “da 6 meno meno, cioè minimo impegno e minimo sforzo per arrivare alla sufficienza». Ed anche il consigliere regionale Fabio Tosi ritiene gli 800 ettari concessi «insufficienti rispetto agli originali 2.000».

Di tutt’altro avviso è la Lega, i cui consiglieri hanno votato contro. Oggi i consiglieri regionali Sandro Garibaldi e Alessandro Piana parlano di una decisione «politicamente e tecnicamente inaccettabile» e accusano l’amministrazione di Rapallo di essere andata contro la posizione sempre espressa dal presidente della Regione Giovanni Toti.

Usa l’arma dell’ironia infine Andrea Carannante, già candidato alla carica di sindaco a Rapallo, secondo il quale «i leghisti protestano contro loro stessi, visto che sono partito di maggioranza in Comune e al Governo». Secondo Carannante, che rilancia il tavolo dei Comitati che stanno lavorando sull’iniziativa “Parco di idee” è ora necessario parlare di parco come volano dell’economia, che può creare nuovi posti di lavoro.