Orti collettivi: la proposta del “Gotto rosso” al Comune di Rapallo

Il Gotto rosso aspetta la risposta di Giorgio Costa

Diverse anime della sinistra rapallese hanno iniziato ad incontrarsi mensilmente ed ora lanciano la prima proposta al sindaco: “Il Comune metta a disposizione un terreno da coltivare collettivamente”.

Hanno chiamato le loro riunioni del “Gotto rosso”, facile gioco di parole per mettere in chiaro fin da subito la provenienza politica. Si tratta di esponenti della sinistra di Rapallo che mensilmente hanno scelto di incontrarsi fuori dalle tradizionali sedi istituzionali, un po’ per convivialità e un po’ per discutere di politica. Dal “Gotto rosso” arriva ora una prima proposta al sindaco Giorgio Costa: quella degli orti collettivi. Hanno così scritto al primo cittadino per chiedere che il Comune metta a disposizione un terreno da coltivare collettivamente: lavoro volontario, distribuzione del raccolto a seconda delle necessità, ottica non commerciale i cardini della proposta arrivata sul tavolo di Costa. Resta da vedere quale sarà la risposta, ma dal “Gotto Rosso” garantiscono l’intenzione di portare avanti comunque l’idea: “In caso di un rifiuto s può passare per altre vie – spiegano – non disdegnando una battaglia politica contro il Comune stesso”.