Nuovo orario ferroviario, le novità si concentrano sulle Cinque Terre

Dal 24 giugno entra in vigore l'orario estivo
Dal 24 giugno entra in vigore l’orario estivo

Sul nuovo orario in vigore dal 24 giugno intervengono i consiglieri regionali di Pd, Gruppo Misto e Lega, ognuno attribuendosi merito per le novità in arrivo, che riguardano in particolare le Cinque Terre, sia in merito alle tariffe che ai servizi.

“Trenitalia ha corretto pesantemente la linea e messo mano al disastro combinato dall’assessore Berrino. Certo, i problemi dei pendolari non sono tutti risolti, ma di sicuro c’è un cambio di passo sul fronte dei trasporti ferroviari liguri”: è il commento dei consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Juri Michelucci a margine dell’incontro con Trenitalia. “Il nuovo orario ferroviario in vigore dal 24 giugno prossimo, infatti, prevede più servizi e modifiche alle tariffe, con sconti per le Cinque Terre”.  Sull’esenzione della tariffa “Cinque Terre Express” si esprimono anche i consiglieri Andrea Costa (Gruppo Misto-Ncd Area Popolare) e Stefania Pucciarelli (Lega Nord Liguria-Salvini), rendendo noto che dal 24 giugno tutti i liguri che vorranno raggiungere le Cinque Terre dovranno pagare una tariffa a tratta e non i 4 euro del servizio di metropolitana leggero, meglio noto come “Cinque Terre Express”. Fino ad oggi l’esenzione riguardava solo i residenti  dei Comuni fra La Spezia e Levanto, mentre dal 24 giugno resteranno in vigore le tariffe normali, non ancorate al servizi di metropolitana leggera. L’esenzione scaturisce dalla richiesta avanzata negli scorsi giorni dai due consiglieri spezzini, che avevano scritto all’assessore Berrino affinché sollecitasse Trenitalia a prevedere l’esenzione almeno per i residenti dell’intera provincia spezzina.
Le altre novità che scatteranno il prossimo 24 giugno e saranno valide fino al 1° novembre le illustra l’assessore regionale al Turismo e ai trasporti Gianni Berrino: “Aumenteranno del 40% le fermate nelle località delle Cinque Terre nei giorni feriali, passando dalle attuali 320 a 447, con 44 treni in più, 110 in totale: si aggiungono infatti ai regionali veloci le fermate di Monterosso e Riomaggiore – con possibilità di distribuire le fermate anche nelle altre località del Parco -. Vengono estese, anche nei giorni feriali, le fermate in tutte le località del Parco ai regionali Sestri Levante-La Spezia. Sul piano tariffario, sconti previsti per i turisti che soggiornano in una struttura ricettiva delle Cinque terre sulla Card Parco + treno e aumentato da 29 a 99 persone il biglietto cumulativo per guide turistiche acquistabile nelle biglietterie della Spezia, Monterosso e Levanto”.