Nuovo Dpcm, Bagnasco lancia un appello a Conte: “Non facciamo morire le piccole attività”

Il sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco

Il sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco rivolgere un appello al presidente del consiglio Giuseppe Conte, affinché riveda le modalità con cui sono applicate le nuove normative: “Orari di chiusura come quelli previsti dal Dpcm, significano morte certa per piccole attività in paesi di periferia. Allo stesso modo piccole palestre e centri sportivi di dimensioni e capienze contenute,

che con dedizione hanno concretizzato misure e investimenti straordinari per rispettare i protocolli e le linee guida per far praticare attività motoria in sicurezza non sono assimilabili alle grandi strutture con numeri elevati di frequentatori di altre realtà cittadine e metropoli”, dice. Piuttosto, secondo Bagnasco,, occorre incrementare il personale: “Servono maggiori risorse economiche per effettuare concorsi e assunzioni e intensificare i controlli laddove necessario. Spero che, in questo momento particolarmente critico, chi ha realmente in mano le sorti del Paese sia disponibile all’ascolto nell’ottica di lavorare tutti assieme per affrontare e superare questa situazione”.