Nuovo candidato sindaco a Rapallo, è Matteo Melis di Rifondazione Comunista

Si affolla la corsa per diventare sindaco
Si affolla la corsa per diventare sindaco

Il partito ha scelto un 29enne per la corsa verso il municipio: “Impossibile una coalizione di sinistra”. Il primo attacco arriva da Andrea Carannante (Pcl): “E’ solo una lista civetta”.

C’è un nuovo candidato sindaco a Rapallo. E’ il 29enne Matteo Melis, designato da Rifondazione Comunista “dopo – si legge in una nota – aver constato l’impossibilità di costruire una larga coalizione di sinistra”. Rifondazione dunque correrà in proprio e presenta una prima bozza di quello che sarà il suo programma elettorale: più servizi sociali, salvaguardia del territorio, censimento delle case sfitte, inchiesta sullo stato dell’edilizia pubblica e di quella scolastica, rilancio delle strutture sportive, più spiagge libere, aggiornamento a basso impatto ambientale del Piano Urbano del Traffico, costituzione del registro delle unione civili e no a qualsiasi svincolo alberghiero.

Il primo attacco per il candidato sindaco di Rifondazione Comunista arriva da sinistra, con Andrea Carannante, candidato del Partito Comunista dei Lavoratori, che parla di “lista civetta che ha come unico scopo la sottrazione di voti a liste che da anni si battono in città. Oggi propongono l’ennesima operazione fallimentare per la sinistra rapallese, mentre i soliti governanti se la ridono”. Carannante lancia poi una nuova proposta: quella dell’istituzione di un servizio di Guardia Medica Pediatrica che garantisca l’assistenza sanitaria nei giorni prefestivi e festivi. Il servizio, propone l’esponente comunista, potrebbe essere ospitato nel vecchio ospedale. Le visite ambulatoriali sarebbero gratuite e la proposta prevede anche l’uso di un’automedica in collaborazione con le pubbliche assistenze.