Nuove condanne nel filone delle spese pazze

Il palazzo della Regione Liguria a Genova

La Corte dei Conti impone il risarcimento al gruppo di cui faceva parte Gino Garibaldi in relazione alle spese del 2008. Alessandro Benzi sospeso da dipendente del Comune di Rapallo.

Nuove condanne nell’ampio filone delle cosiddette “spese pazze” in Regione. Si tratta, questa volta, nel dettaglio, di quelle della Corte dei Conti, relative all’anno 2008 ed al gruppo “Forza Italia verso il Pdl”, del quale faceva parte il sindaco sospeso di Cogorno Gino Garibaldi e, con lui, Luigi Morgillo, Pietro Oliva, Franco Orsi, Matteo Rosso e Gabriele Saldo che era capogruppo. La condanna della Corte dei Conti riguarda il danno erariale e i cinque, che comunque dovrebbero presentare ricorso, allo stato attuale dovranno risarcire, complessivamente, 73.000 euro di spese ritenute non riconducibili all’attività istituzionale. Sul fronte penale, per queste spese, il procuratore ha chiesto il rinvio a giudizio per i sei. Intanto, in applicazione della legge Severino, il Comune di Rapallo ha sospeso Alessandro Benzi, già consigliere regionale di Sel, dipendente dell’ente, condannato in primo grado in un altro filone dell’inchiesta.