Niente manutenzione, la pompa di benzina “frega” sul carburante erogato

Elevate sanzioni per novemila euro
Elevate sanzioni per novemila euro

Controlli della Guardia di Finanza su dieci impianti in provincia di Genova: in sei casi, la mancata verifica provoca scostamenti tra la cifra segnata sul display e la benzina erogata. Solo in uno, avveniva a vantaggio del cliente.

Alcuni gestori di distributori di benzina stradali hanno omesso di effettuare la verifica periodica degli erogatori, le cosiddette “pistole”, che avrebbe lo scopo di garantire il mantenimento nel tempo della precisione di carburante erogato. E’ quanto emerge dai dieci controlli che la Guardia di Finanza ha svolto, nei giorni scorsi, su distributori di tutta la provincia di Genova, in una attività a tutela del consumatore. In particolare, sei impianti sono risultati irregolari o inadempienti alle verifiche metrologiche. Pertanto, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo ben 41 erogatori e sono state elevate sanzioni amministrative per circa 9mila euro. In un solo caso dei sei, la mancata taratura delle colonnine provocava l’erogazione di carburante in misura superiore a quello indicato dai display, negli altri era il cliente a ricevere un servizio inferiore al prezzo pagato.