Mostra del Tigullio e mobilità, è acceso il dibattito politico a Chiavari

Polemiche all'ombra di Palazzo Bianco
Polemiche all’ombra di Palazzo Bianco

Emilio Cervini torna ad esprimere la preoccupazione che Chiavari perda la Mostra del Tigullio e critica il sindaco che si è detto disponibile a stanziare solo 20 mila euro. Giorgio Canepa invece invita Levaggi a lasciare le decisioni in tema di viabilità al suo successore.

A Chiavari Emilio Cervini, consigliere del gruppo “Libertà è partecipazione”, torna ad intervenire sulla Mostra del Tigullio, esprimendo la preoccupazione che la città possa perdere la manifestazione. Sul tema ha già presentato una mozione e chieso la convocazione della commissione consiliare competente. Cervini bolla come “deludente” la disponibilità del sindaco Levaggi di finanziare la Mostra del Tigullio con 20 mila euro, ricordando i 65 mila euro spesi in due anni per la Rassegna dell’Odissea ed i quasi 90 mila per il Fesival della Parola. Giorgio Canepa di Partecip@ttiva interviene invece dopo l’incontro di ieri sulla pedonalizzazione di Piazza Matteotti. Teme che il nuovo studio annunciato dal sindaco Levaggi si risolva, sono le sue parole, “in altri soldi sperperati per fare congetture sul traffico senza arrivare a niente” ed invita il sindaco a lasciare la decisione di fare studi o realizzare soluzioni a chi verrò dopo di lui. Ricorda inoltre l’ordine del giorno di Partecip@ttiva sulla mobilità a due ruote approvato nel novembre dello scorso anno, con il voto a favore anche di Levaggi, per lamentare che ad oggi sindaco e maggioranza non hanno onorato l’impegno preso in aula.