Miniera di Gambatesa, c’è l’impegno della Regione per riaprirla

Il rifugio di Gambatesa, mai entrato in funzione

Il consigliere di Liguria Viva Ezio Chiesa ha illustrato stamattina un’interrogazione sul tema, l’assessore Renata Briano ha risposto che la Regione sta lavorando. Miniera e rifugio ancora chiusi.

Il consigliere di Liguria Viva Ezio Chiesa ha illustrato questa mattina in consiglio regionale un’interrogazione riguardante lo stato in cui verso il sito turistico della miniera di Gambatesa, in Val Graveglia. Chiesa ha ricordato che le visite all’interno della miniera sono sospese dall’inizio della primavera e che il rifugio, inaugurato nel 2009, non è mai entrato in funzione. Il consigliere ha quindi sottolineato che l’unico modo per assicurare in tempi brevi la riapertura della miniera è quello di ripristinare la concessione mineraria. Il complesso era stato acquistato tre anni fa dall’Ente Parco dell’Aveto. Nella sua risposta l’assessore Renata Briano ha assicurato che la Regione si è attivata per la predisposizione di uno specifico progetto che, attraverso un disegno di legge, dovrebbe garantire la riapertura della miniera. In merito al rifugio ha invece addossato la colpa al mancato rilascio del titolo abitativo da parte del Comune di Ne. Nella replica Ezio Chiesa ha ricordato di aver sempre difeso l’istituzione dei Parchi a condizione che gli stessi funzionino, “elemento indispensabile – ha detto – per non allontanare la gente dal territorio”.