Mares: sciopero e occupazione dello stabilimento

Incrociano le braccia oggi i dipendenti della Mares, dopoché l’azienda ha annunciato la mobilità di 23 lavoratori.Otto ore di sciopero e occupazione della fabbrica oggi presso lo stabilimento rapallese della Mares: la situazione si è nuovamente aggravata dopo la dichiarazione di ieri dell’azienda relativamente all’avviamento delle procedure di mobilità, che potrebbero approdare al licenziamento di 23 dipendenti, considerati in esubero, dello stabilimento di Casarza Ligure. Secondo i sindacati, l’azienda avrebbe fatto questo primo passo, che ridurrebbe i lavoratori del settore di Carasco a un numero di 7 con lo scopo di chiuderlo e trasferire i pochi lavoratori rimasti poi a Rapallo. A detta dei sindacalisti, il fine ultimo della Mares è sempre quello di chiudere tutti gli stabilimenti italiani per trasferirsi all’estero per avvalersi di manovalanza a basso costo. Ad aggravare la situazione, c’è poi il fatto che l’azienda abbia preso questa decisione, come altre, senza mai accettare di incontrarsi con i sindacati.

Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it