Maltrattamenti ai disabili, condanna definitiva per Emilio Cella

L'indagine fu coordinata dalla Procura di Chiavari
L’indagine fu coordinata dalla Procura di Chiavari

9 anni e 6 mesi, la sentenza di Cassazione per l’ex professore di sostegno alla media di Cogorno. Viene confermata quella di Appello. Due anni per la collega Nicoletta Daniele, per la quale vale la condizionale.

E’ diventata definitiva la condanna per Emilio Cella, l’ex insegnate di sostegno alla scuola media di San Salvatore di Cogorno, accusato di abusi e maltrattamenti nei confronti di sette allievi disabili, tra 11 e 14 anni, negli anni tra il 2008 e il 2011. E’ arrivata, infatti, la sentenza di Cassazione, che conferma in pieno quella di Appello, malgrado il cambio di legali scelto dallo stesso Cella, che stavolta era difeso dal ben noto legale Franco Coppi. Dunque, l’insegnante deve scontare 9 anni e 6 mesi di reclusione. La collega Nicoletta Daniele è condannata a 2 anni per corruzione di minori e atti osceni, in concorso. In primo grado era stata assolta, così come per Cella la condanna era stata solo di 3 anni e 2 mesi, escludendo dai reati la sfera sessuale. Per la donna vale la sospensione condizionale della pena, mentre l’uomo dovrebbe proprio essere destinato di nuovo al carcere, cui somma l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.