Maggioranza larga per la nuova vendita della Fara

Il voto ieri sera in consiglio comunale

Levaggi: “Con la somma incassata potremo pagare i creditori”. Canepa: “I vecchi acquirenti torneranno a comprare a prezzo ribassato?”, Viarengo: “Premiamo anche la qualità del progetto”.

Torna in vendita la Colonia Fara, con un bando, previsto per il mese prossimo, che prevederà una base d’asta da 10,9 milioni. Lo ha sancito il consiglio comunale, con il voto favorevole della maggioranza e di Getto Viarengo, l’astensione di Pd e Partecip@ttiva, l’assenza dall’aula dei consiglieri agostiniani. Giorgio Canepa ha posto il problema della cordata che si era aggiudicata la prima asta, poi rinunciando, di fatto, anche se non esplicitamente, con la richiesta di restituzione della caparra da 400mila euro: “Non vorrei che gli stessi soggetti tornassero ad acquistare la Fara a prezzo più basso”. Secondo Getto Viarengo, “nel prossimo bando bisognerebbe inserire non solo il criterio della migliore offerta economica, ma anche quello della migliore proposta realizzativa”. Il sindaco, Roberto Levaggi, ha garantito, legge alla mano, che la caparra non sarà restituita e che non ci sono problemi legati all’ultimo ricorso pendente al Consiglio di Stato. Con gli introiti della vendita, verranno pagati i creditori del Comune.