Lotta alla mosca olearia, le indicazioni per gli olivicoltori

Trattamento consigliato per Sestri e Moneglia
Trattamento consigliato per Sestri, Lavagna e Moneglia

Gli Olivicoltori Sestresi e la Cooperativa Agricola Lavagnina segnalano che in tutto il levante le olive risultano ora suscettibili agli attacchi della mosca olearia, sebbene l’infestazione sia contenuta dal caldo e dalla siccità.

Gli Olivicoltori Sestresi e la Cooperativa Agricola Lavagnina segnalano che in tutto il levante (Val Graveglia, Val Fontanabuona, Val Petronio e Entella) si è conclusa la fase di indurimento del nocciolo e che quindi le olive risultano ora suscettibili agli attacchi della mosca olearia. Il caldo e la siccità che si sta protraendo contengono l’infestazione dell’insetto, ma riducono anche l’accrescimento del frutto e si consiglia di eseguire possibilmente un’irrigazione di soccorso (30l/pianta). Per la settimana in corso in nessuna zona si è superata la soglia di intervento e perciò occorre astenersi dal trattamento con prodotti larvicidi. Il trattamento è consigliato solo per gli olivicoltori della fascia costiera sino ai 150 m s.l.m. (comuni di Sestri Levante, Lavagna e Moneglia) che possiedono un impianto di irrigazione nel proprio oliveto ed erogano volumi costanti (almeno 50 l/pianta a settimana).